IL SOLCO SOTTILE

PERSONALE DI ANTONELLO MORONI

Quando e dove
  • Dal 2 Ottobre al 2 Dicembre 2016 (escluso Lunedì)
  • Forlì (FC) - Palazzo Romagnoli

La mostra Il solco sottile di Antonello Moroni, aperta al pubblico dal 2 ottobre al 12 dicembre è la tappa finale del percorso avviato grazie alla borsa di studio Mariacristina Gori, indimenticata storica dell’arte forlivese. La mostra racconta le vicende del cospicuo fondo Moroni, ripercorrendo la storia dell’antichissima tecnica dell’incisione su legno recuperata dall’oblio all’inizio del secolo scorso dagli xilografi della cerchia di Adolfo De Carolis.

Il solco sottile di Antonello Moroni è la tappa finale del percorso avviato grazie alla borsa di studio offerta dall'Ingegner Franco Sami in ricordo della moglie Mariacristina Gori, indimenticata storica dell’arte forlivese, a dieci anni dalla sua prematura scomparsa il 2 ottobre 2006.

Nel biennio 2014-2015 la dottoressa Marica Guccini, vincitrice della borsa di studio, ha avuto modo di studiare in maniera organica il fondo Moroni conservato presso la Pinacoteca Civica “Melozzo degli Ambrogi”, riscoprendo la figura artistica di Antonello Moroni (Savignano di Romagna, 20 settembre 1889 - Gatteo Mare, 23 settembre 1929), sinora per lo più dimenticato dalla critica, ma che alla luce degli studi si rivela come un importante esponente del movimento di rinascita della xilografia italiana a inizio Novecento.

Le dieci sezioni della mostra, allestita al primo piano del palazzo nel salone d'incontro e nella sala dedicata alle esposizioni temporanee, raccontano le vicende del cospicuo fondo Moroni, ripercorrendo la storia dell’antichissima tecnica dell’incisione su legno recuperata dall’oblio all’inizio del secolo scorso dagli xilografi della cerchia di Adolfo De Carolis.

Composto da oltre 330 pezzi presenti nello studio dell’artista al momento della morte, il fondo giunge ai musei civici forlivesi nel 1953 grazie alla donazione della vedova Paola Moroni Fumagalli, allora direttrice della casa editrice Electa, che a lungo si era prodigata per trovare un’istituzione che offrisse degno lustro all’attività del marito.

L’esposizione dell’eterogenea collezione fatta di matrici xilografiche, xilografie, prove di stampa, ex libris, disegni, album e pubblicazioni, offre un’occasione rara per il visitatore di poter osservare in modo organico l’intera filiera produttiva delle opere il processo creativo dell’artista, dalla prima idea impressa nel bozzetto, alla realizzazione della matrice lignea, sino alla sua impressione su carta.

Sabato 1 ottobre alle ore 17,00 l'inaugurazione della mostra sarà anche l'occasione per ricordare la figura di Mariacristina Gori, studiosa appassionata, autrice di oltre un centinaio di saggi e monografie sulle espressioni artistiche in Romagna dal Rinascimento al Barocco, collaboratrice di diverse riviste specializzate in campo artistico e ispettore onorario della Soprintendenza per i Beni Architettonici e per il Paesaggio di Ravenna, Ferrara, Forlì e Cesena.

Saranno presenti, oltre ai curatori, il Sindaco di Forlì Davide Drei, l'Assessore alla Cultura Elisa Giovannetti, l'Ingegner Franco Sami, sostenitore del progetto di ricerca grazie all'elargizione della borsa di studio dedicata alla moglie, i membri della Commissione che ha periodicamente verificato la ricerca, esponenti del mondo della cultura che hanno conosciuto e apprezzato in vita Mariacristina Gori, per le qualità umane e caratteristiche di valente storica dell'arte.

La riscoperta della figura di Antonello Moroni proseguirà per tutta la durata della mostra, in particolare verrà presentato il volume Il solco sottile. Antonello Moroni: artista, xilografo, decoratore del libro, primo studio organico dedicato alla figura dell’artista.

Orario: dal martedì al sabato ore 9,30 - 13,30; martedì pomeriggio ore 15,00 - 17,30; domenica ore 9,30 - 18,00.

Ingresso: a pagamento. Intera: 3.00 €. Ridotta: 2.00 €. Gratuità: ingresso gratuito la prima domenica del mese.


Download allegati

Nessun allegato disponibile per l'evento


Condividi questo evento: