PALIO DELL'AMICO

XX EDIZIONE

Quando e dove
  • Da Sabato 25 a Domenica 26 Giugno 2016
  • Arsoli (RM)

Programma speciale per la Ventesima edizione del "Palio dell'Amico" che anche quest’anno ricorderà il personaggio arsolano più famoso del secolo XVI, Amico Passamonti.

Signore di Arsoli in tempo di pestilenze, incendi, assedi, distruzioni e di altrettante rinascite Amico ebbe il merito di far assumere al “feudo” un ruolo strategico per gli equilibri politici del territorio ma fu soprattutto un Capitano di ventura al soldo del Papato prima e della Repubblica di Firenze poi protagonista di tante battaglie fino a tarda età tanto da essere scherzosamente definito da qualche storico “il vecchione di Arsoli”.

Giornate all’insegna della spettacolarità delle rievocazioni con il corteo storico che nel pomeriggio di Sabato 25 giugno si snoderà per le vie del paese toccando gli antichi quattro borghi. Dame, cavalieri, spadaccini ed arcieri, tamburini, musici e figuranti in costume dell’epoca si uniranno ai “campioni”, ai “signori”, a “capitani” e “priori” accompagnati dal rullo dei tamburi ritmanti lo sventolio delle bandiere che volteggeranno nel cielo nella favolosa cornice del centro antico dominato dal castello Massimo.

Il Convivio dei Borghi che a sera segue la parte cerimoniale per questa edizione si svolgerà nella Piazza grande (Piazza Valeria) e, come sempre, sarà uno dei momenti più significativi per i borgaioli che si aprono all’incontro con la loro proverbiale ospitalità.

Al mattino di Domenica 26 giugno apertura dell’Accampamento e del Mercato rinascimentale; nel pomeriggio, dopo il corte storico che attraverserà nuovamente le vie del borgo, gli arcieri della Compagnia dei quattro borghi storici di Arsoli si contenderanno “il Palio”.

Nei due giorni, a rendere ancor più avvincente la contesa ci saranno giochi d’armi e dimostrazioni di abilità, l’assalto al castello ed altre animazioni a cui daranno vita i numerosi Gruppi storici invitati per questa edizione del “ventennale” che ancora una volta sarà storia, fantasia, squisita ospitalità e divertimento, buona cucina semplice, antica e naturale accompagnata dall’allegria di giullari e saltimbanchi che allieteranno vicoli e piazze imbandierati e illuminati dalla luce delle fiaccole. Un'atmosfera magica che ci riporta alla corte del “signore” ed alla grandezza passata di questo paese ed al suo ricco patrimonio di storia, architettura, arte e tradizioni che la Comunità conserva gelosamente e con orgoglio.


Download allegati

Nessun allegato disponibile per l'evento


Condividi questo evento: