LA FORNACE E LA CIVETTA

IV EDIZIONE

Quando e dove
  • Da Sabato 18 a Domenica 19 Ottobre 2014
  • Certaldo (FI) - Loc. Fiano -Tenuta di Sticciano

Sabato 18 ottobre a Certaldo, presso la Tenuta di Sticciano (loc. Fiano) avrà luogo la quarta edizione dell'evento “La Fornace e la Civetta”, dedicato alla cultura dell’argilla, evento che lega itinerari ambientali turistici alla riscoperta delle antiche fornaci e alla valorizzazione del contemporaneo, promosso da Associazione Caba, I Macelli / Associazione Polis, Associazione AlFiano, con il patrocinio del Comune di Certaldo.

L’iniziativa, nata nel 2011 da un'idea di Alberto Cavallini, si arricchisce ogni anno di elementi innovativi che tengono conto sia di aspetti legati alla valorizzazione del territorio che di nuove forme di sperimentazione artistica.

L’antica Fornace da mattone, presente all'interno della Tenuta, costituisce ogni volta il nucleo di partenza per i progetti, rappresentando un elemento di raccordo tra passato e presente, tra tradizione e contemporaneo, tra ricerca e innovazione.

Le iniziative avranno luogo fin dalla prima mattina.

Alle ore 9,00, con partenza dal Palazzo Pretorio di Certaldo. vi sarà l'inaugurazione dell’"Itinerario dello Zafferano, calanchi e antiche fornaci” promosso dall'Associazione Polis e I Macelli di Certaldo. Sarà percorsa la prima tappa sperimentale Certaldo - Sticciano dell’itinerario, che in futuro intende attraversare la Valdelsa Fiorentina e Senese. L’intento è valorizzare questo percorso dove un tempo si coltivava e commercializzava lo zafferanno, attraverso un itinerario storico, turistico ed ambientale che da Montelupo Fiorentino arrivi a Monteriggioni, passando per Montespertoli, Fiano / Lucardo, Certaldo, Gambassi, San Gimignano, Colle Val d’Elsa. Un lungo trekking che s’innesta anche sull’antica via Francigena. All’arrivo sarà possibile gustare un pranzo a base di zafferano (curato dal ristorante L'antica Fonte di Certaldo) presso la Tenuta di Sticciano (Costo 20 euro, Prenotazione obbligatoria tel. 0571/669032) dove si svolgeranno gli eventi pomeridiani.

Alle ore 15,00 si aprirà l'evento la Fornace e la Civetta 2014.

Il primo intervento, "Come riqualificare una vecchia fornace da mattone" sarà curato dall'archeologo Roberto Parenti dell'università di Siena in collaborazione con Filippo Diara e Clara Nerucci. Mostrerà la nuova avanguardia tecnologica nel campo dell'archeologia, che partendo dai rilievi di un rudere permettono di sviluppare un modello 3D per studiare al meglio le ipotesi di restauro.

Seguirà Claudio Rosati, ex direttore del settore musei ed ecomusei della Regione Toscana e attuale direttore del Museo Caruso di Lastra a Signa, che porterà la sua esperienza delle nuove possibili forme museali, parlando della progettualità relativa a "un'idea di museo diffuso", che unisca il territorio, le persone che lo abitano e la ricerca delle professionalità legate alle Fornaci da mattone e all'uso dell'argilla nella Valdelsa centrale.

Alle ore 17,00 "Coefficiente H", progetto di residenza d'arte contemporanea a cura di Elena Magini, promosso dall'assocazione Caba.

Verranno presentati i progetti di Elena Mazzi e del collettivo “Gli Impresari”, vincitori per l'anno 2014 del bando di residenza. Elena Mazzi propone un lavoro sul mattone inteso come modulo architettonico e su un suo impiego non standardizzato, grazie alla commistione di materiali di recupero come il vetro. “Gli Impresari”, da sempre interessati all' immaginario connesso alle macchine sceniche teatrali, hanno elaborato un dispositivo scenico impiegando argilla locale.

Seguiranno interventi strettamente legati al mondo ceramico, presentati da Silvia Imperiale, esperta nel settore della comunicazione e in passato direttrice di due importanti riviste di settore.

Alle 18.30 "La ceramica e il cibo" con Riccardo Biavati, uno tra i più significativi artisti ceramici italiani che affronterà il tema della ceramica come contenitore legato al cibo e alla sua cottura, un tema antico, di cui mostrerà le direzioni contemporanee.

Seguirà la presenza di Maria Grazia Morganti docente di Storia dell'arte e Storia della ceramica che introdurrà "La ceramica e la cerimonia del tè" tema di alto interesse in un Comune come Certaldo, gemellato culturalmente con la città Giapponese di Kanramachi.

Faranno da cornice alla giornata due esposizioni:

"La pietra e il mattone" un itinerario didattico attraverso i tratti grafici eseguiti da Gabriella Beccherle sotto la guida di Alberto Cavallini .

"Le ceramiche da fuoco" pentole in argilla eseguite da Alberto Cavallini, gentilmente concesse dalla collezione di Roberto Guerri.

Al tramonto apertura del forno sperimentale con spettacolo di fuoco a cura di Terry Davies ,Franco Rampi e Angelo Zilio.

Quest'anno infine è stata aperta un collaborazione teatrale con “I Macelli No Theatre” che vede la residenza di 5 danzatori coordinati da Eugenia Coscarella danzatrice dalla scuola teatro Paolo Grassi di Milano con "Play with Trisha" liberamente ispirato agli "Early Works" di Trisha Brown. Si esibiranno in una performance nella serata.

La Cena a buffet sarà organizzata dall'associazione AlFiano

DOMENICA 19 OTTOBRE alle ore 15,00 l'associazione Caba con l'associazione Alfiano inaugureranno le stele di terracotta eseguite dagli alunni della scuola primaria Giovanni Pascoli di Fiano, cotte in un forno sperimentale di fibra ceramica il 31 Dicembre 2013 nella piazza del paese.

Tante iniziative che saranno occasione di socialità e di crescita culturale per gli appassionati di arte ceramica, per i cittadini e i turisti che vorranno partecipare.


Download allegati

Nessun allegato disponibile per l'evento


Condividi questo evento: